5 Vere streghe stabiliscono il record direttamente su TV e film Sbagliano

5 Vere streghe stabiliscono il record direttamente su TV e film Sbagliano

The Great Gildersleeve: The House Is Sold / The Jolly Boys Club Is Formed / Job Hunting (Novembre 2018).

Anonim

La cultura pop è sempre stata piena di donne stregate - alcune addirittura basate su input di reali streghe - che, francamente, adoriamo, ma i film e la TV non sempre raccontano tutta la storia, e per quanto le raffigurazioni sullo schermo siano ovviamente pensate per l'intrattenimento, vivere come una strega non è uno scherzo per molte persone. cinque diverse donne che si identificano come streghe, aderendo ai severi requisiti della vita delle streghe e persino gestendo imprese come streghe, alle loro pratiche e ad alcuni dei malintesi comuni che affrontano.

Jessie Susannah, 36, San Francisco, CA

Jessie dice di aver sfruttato i suoi poteri spirituali sin da quando era adolescente, ma una mancanza di comunità con la stessa mentalità, combinata con un focus su mantenendo le tradizioni del giudaismo con cui era cresciuta, la mise da parte per molti anni in quella parte della sua vita. Non è stato fino a quando Jessie ha sperimentato la gravidanza e il parto che ha iniziato a reclamare la sua strega interiore.

"Ricordo di aver fatto una passeggiata con uno dei miei migliori amici e di dirle che stavo avendo una rivelazione che ero una strega, e si voltò e mi diede questo sguardo davvero acuto," dice Jessie FeminineClub.com in un'email.

Ora, dice, se incontra risposte simili, non sente alcun obbligo o interesse nell'educare le persone. Il malinteso più comune, dice, è che essere una strega è in qualche modo diverso dall'essere una persona normale. "Per me, essere una strega significa essere in contatto con l'energia dei luoghi, delle persone, degli oggetti e della natura, e prendere cosciente partecipazione attiva e interesse per quell'aspetto dell'essere."

La sua pratica ora è centrata principalmente sugli altari, e lei integra essenze, cristalli, piante, astrologia, meditazione, divinazione e preghiera nella vita di ogni ora della sua vita quotidiana. Nell'autunno del 2013, ha anche iniziato a incorporare la sua pratica nella sua vita professionale, trasformando i suoi servizi contabili e fiscali in un business intuitivo di coaching finanziario chiamato Money Witch. Aiuta le persone a studiare i loro problemi con le finanze e ad usare alleati energici per aiutare ad assumere la proprietà e controllare il loro rapporto con il denaro.

Attualmente, le pratiche di affiliazione occulta come tarocchi, cristalli, congreghe, astrologia e persino incantesimi sono più presenti nei feed dei social media che mai, ma Jessie vede generosamente oltre la tendenza.

"Penso che quando le persone sono attratte da qualcosa, è utile approfondire perché questa estetica è interessante per loro", dice. "Una parte di me si domanda se molte delle persone che si trovano attratte o coinvolte in questa estetica in questo momento sono in realtà solo agli stadi iniziali dell'apertura ad una relazione più profonda con il regno energetico."

ChosenEyes è un medium psichico e un lettore di tarocchi noto per la sua scrying - o mirror reading, una tecnica resa famosa dall'unico e solo Nostradamus - ed è un appuntamento fisso nella comunità di streghe di Austin, spesso tenendo eventi e lezioni in lettura dei tarocchi Ha iniziato a studiare la stregoneria nelle scuole medie, anche se prima era sempre stata affascinata e sentiva un'affinità con storie che aveva sentito parlare delle donne nere del sud che erano "molto abili nel curare e nell'aiutare con le erbe e aveva 'la vista. '"

" L'identificazione pubblicamente come una strega è arrivata molto più tardi nella vita per un paio di motivi ", ChosenEyes, che pratica professionalmente da quando aveva 14 anni, dice in una e-mail. "[Uno], lo stigma associato all'interno dell'America Nera per essere qualcosa di diverso da Christian", sottolineando che è stato accettato dalla sua stessa famiglia finché è rimasto in casa. "[Due], non mi vedo davvero nel mainstream", continua. "Di solito, se una donna nera pratica la magia o è psichica in un film, noi siamo il 'malvagio e non buono', un moniker che non viene sempre conferito alle nostre controparti bianche. Quindi sentirsi bene andare in pubblico era un po 'spaventoso."

Le sue paure erano giustificate. ChosenEyes ha detto che, una volta che è diventata pubblica, molti intorno a lei hanno reagito con paura e incredulità, e alcuni addirittura l'hanno tagliata fuori dalle loro vite. "Ma, su una nota positiva, ha messo molto su di me come una persona in prospettiva per molti più vicini a me", ha ribattuto. "Io, come persona, avevo più senso una volta che lo sapevano su di me."

In qualità di mamma, moglie e studente di medicina occupata (sta completando la sua borsa di dottorato per medicina orientale, concentrandosi su terapie topiche a base di erbe per la rigenerazione dei tessuti e la gestione delle infezioni nella riabilitazione da ustioni), ChosenEyes sottolinea che non è così affascinante la vita come alcune persone pensano - né così rara.

"C'è chi presume che se la tua pratica spirituale è anche la tua professione, allora sei un espediente, un degenerato sociale o un non istruito", dice ChosenEyes. "Le streghe sono abbastanza erudite, astute, appassionate, autodidatta e / o formalmente istruite. Molti di noi (me compreso) si fondono abbastanza bene e rimangono inosservabili nella maggior parte dei casi. Siamo i tuoi dottori, avvocati, insegnanti, autista Uber, addetto alla cassa - siamo letteralmente OVUNQUE!"

Monica Bodirsky, Toronto, Canada

Monica Bodirsky, non diversamente da molte donne che hanno iniziato a lavorare per la prima volta, era solo un'adolescente quando iniziò a identificarsi come strega, ma non lo disse pubblicamente per un po '.

"Non ho avuto né il tempo né la voglia di discutere o cercare di convincere la gente che è una pratica, non una donna cattiva o un satanista", ci dice via e-mail. L'artista, l'illustratore, l'autore e l'educatore ha visto, durante i suoi anni di pratica, un cambiamento nel modo in cui le persone percepiscono le streghe - dal presupporre che sono satanisti a supporre che le streghe non credono nella scienza - ma si imbatte comunque in qualcosa di piuttosto frustrante caratterizzazioni.

"È un po'noioso quando le persone sono condiscendenti e sprezzanti riguardo alle credenze e alle pratiche molto diverse della stregoneria", dice. "Spesso sono tutti etichettati come pensieri" magici "e pensati come infantili, ingenui o primitivi. Credo che alcune di queste persone abbiano colonizzato i problemi del pensiero e abbiano bisogno di guardare alle proprie paure di ciò che è incommensurabile e sconosciuto."

Bodirsky è la donna dietro Witchfest North, un festival di Toronto creato per unire le streghe, i Wiccan, le donne saggi e i pagani nelle arti. È una comunità che consiste e accoglie i praticanti di magia trans, queer e BIPOC di molti background culturali e di tutte le età. Bodirsky afferma di essere stata ispirata a lanciare la festa dopo aver assistito alla fiorente cultura delle streghe a Salem, Massachusetts, e ha ottenuto il pollice in su dal sindaco di Salem Kim Driscoll e dal sindaco di Toronto John Tory.

"Penso che sia il momento giusto", dice Bodirsky della crescente accettazione e rappresentazione culturale. "Non penso che ci sia visibilità" cattiva "in una comunità varia e pluralista. Alcune streghe sono schiette, alcune sono silenziose, alcune hanno titoli accademici e altre hanno imparato da generazioni di praticanti. Come Deborah e Rick Hamouris, che ha creato il canto della dea, dicono: "Siamo un cerchio in un cerchio, senza inizio e senza fine. "'

(Foto via Becca Lemire Photography)

Sarah M. Chappell, 31 anni, Asheville, NC

Sarah M. Chappell sapeva di essere una strega fin dalla terza elementare quando teneva i libri a casa da scuola ed eseguire rituali sul piano seminterrato.

"Ho cercato di evitare di essere battezzato quando ero in quinta elementare dicendo a mia madre che ero una strega", dice via e-mail, ancora in grado di ricordare l'espressione di confusione e giudizio che ha attraversato il viso di sua madre.

Dopo essersi messa nei guai per parlare di stregoneria a scuola, lasciò scivolare via fino a tre anni fa, si trasferì a Brooklyn e sentì parlare di cerchi lunari, erboristeria e altre attività basate sulla comunità che aveva desiderato da bambina. "Tranne che adesso erano fantastici! "Dice, sottolineando un grande vantaggio dell'attuale posto della stregoneria nello spirito del tempo.

Chappell dice che, quando ha preso la decisione di smettere di bere, la sua connessione intuitiva è tornata intensamente. Fu allora che iniziò l'ultima incarnazione del suo mestiere, che definisce "una pratica spirituale profondamente personale [consistente] nella meditazione e nel cammino quotidiano. "Ora pratica professionalmente i tarocchi, il lavoro energetico e l'erboristeria per facilitare la guarigione ed è felice di riferire che, ora, anche sua madre pensa che il suo lavoro sia piuttosto interessante.

Chappell, che ha una laurea in biologia cellulare molecolare, non è territoriale sulla vita da strega, sottolineando che uno dei principali fraintendimenti che incontra è che la stregoneria è una cosa e una cosa sola. Preferisce un approccio più semplice.

"Se [la popolarità delle pratiche correlate alla stregoneria] aiuta le persone a ritrovare se stessi, a connettersi con il mondo, a sentirsi più fiduciosi ea sviluppare la propria pratica spirituale, allora è sorprendente", dice."Se aiuta le persone come me a sentirsi meno strani perché quando dico che sono un lettore di tarocchi la risposta è, 'cool ho visto un grande mazzo in Urban Outfitters' invece di 'stai andando all'inferno', sto bene con quello anche"

E, come ogni brava strega millenaria, Chappell pensa con affetto a The Craft." Mi ricordo di averlo visto nel negozio di video quando ero un bambino e di aver avuto troppa paura di chiedere ai miei genitori se potessimo noleggiarlo", ammette. "Quando finalmente ho visto il film da adulto ero così così così così pompato. Ovviamente non è un ritratto accurato delle streghe, ma è sorprendente. I vestiti sono fantastici, e io amo qualsiasi cosa con le donne forti e potenti. Non consiglierei di usarlo come risorsa fondamentale per la tua pratica, ma è un film divertente (e oserei dire femminista). Vado a guardarlo di nuovo adesso!"

Pinky Doll (Jessica Barajas), 32, Rialto, CA

Per Pinky Doll, essere una strega non è solo una pratica, ma uno stile di vita rigido e talvolta difficile. Descrive dettagliatamente le ore lunghe e non convenzionali, le lotte con l'accettazione da parte della famiglia e degli amici, e quelle che lei chiama le "battaglie spirituali" che possono derivare quando si assume la cattiva energia di un cliente.

"A volte non è l'ideale, ma è di grande importanza per me mantenere la comunicazione aperta", dice FeminineClub.com in un'email. "In definitiva, questo è il motivo per cui faccio ciò che faccio. Il mio desiderio e la mia passione è aiutare gli altri."

Pinky, che è messicana-americana, è cresciuto in una famiglia cattolica, ma come parte della sua cultura messicana, afferma di essere stata sempre esposta a guaritori, lettori di tarocchi e streghe. Quando è stata onesta con la sua famiglia immediata su ciò che alla fine è venuta a definire come le sue pratiche di Paganesimo e Santeria, dice che erano titubanti ma accettavano (il resto della sua famiglia allargata non era così comprensivo). Ha rassicurato i suoi scettici sul fatto che lei non ha adorato il diavolo e ha deciso di dissipare altri fraintendimenti che circondano il suo lavoro di guarigione, purificazione, incantesimi e tarocchi (lei fa anche letture sul suo canale YouTube).

"Ci assumiamo la piena responsabilità di ciò che facciamo che, secondo me, è ciò che ci differenzia da ogni altra pratica", afferma. "Non nascondiamo o scusiamo convenientemente. Al centro del nostro essere, sappiamo che ciò che mettiamo fuori ci ritorna, ed è per questo che siamo così attenti alle azioni, a come trattiamo gli altri e chi siamo veramente quando siamo in solitudine."

Per quanto riguarda le pratiche occulte e l'estetica che domina la conversazione delle streghe nel 2017, Pinky Doll dice che non spetta a lei giudicare chi, o cosa, è giusto o sbagliato.

"Ognuno sceglie per molte ragioni diverse e non è il mio business," dice. "Non esiste una stampa cattiva, giusto?"

" Ci sono infiniti flussi di credenze in questa pratica ", conclude Pinky Doll," ma alla fine qualunque cosa si sceglie di praticare o seguire - purché tiri fuori il meglio di te - allora questo è ciò che è giusto per te."

Conosci o conosci qualcuno che si identifica come una strega? Condividi la tua storia @FeminineClub.com.

(Foto in primo piano tramite Sony Pictures)